joe napolitan.jpeg

STORIA

Nel novembre del 1968, Michel Bongrand della Francia e Joseph Napolitan degli Stati Uniti hanno invitato una manciata di manager veterani della campagna politica di quindici paesi a incontrarsi a Parigi per scambiare informazioni e opinioni sulla professione emergente della consulenza politica. Al termine dei due giorni di riunione, hanno deciso di formalizzare i propri interessi professionali organizzando l'Associazione Internazionale dei Consulenti Politici (IAPC). L'organizzazione che hanno fondato ha resistito e prosperato per oltre quattro decenni.

Oggi sono membri attivi circa 180 uomini e donne che rappresentano un ampio spettro di attività politiche professionali. La grande maggioranza di loro ha svolto un ruolo significativo nell'elezione dei capi di stato nelle democrazie del mondo. Per saperne di più, visita la nostra pagina Wikipedia.

MISSIONE

Innanzitutto l'IAPC si impegna a promuovere la democrazia e il processo democratico in tutto il mondo.

Dal 1982, la IAPC ha assegnato il suo Democracy Award a un individuo o un'organizzazione che ha lavorato coraggiosamente per promuovere, promuovere e sostenere il processo democratico in qualsiasi parte del mondo.

I destinatari precedenti di questo prestigioso premio includono Lech Walesa, Nelson Mandela e, più recentemente, Viktor Yushchenko dell'Ucraina.

In secondo luogo, l'organizzazione è rimasta fedele alla sua missione originaria di promuovere la crescente e diversificata professione di consulenza politica, nonché gli aspetti pratici delle elezioni democratiche.

Lo IAPC realizza questo riunendo i membri nella sua riunione annuale per scambiare opinioni e informazioni sugli sviluppi politici e sulle tecniche della campagna.

A livello organizzativo, questa conferenza che si tiene ogni novembre in una città diversa è l'attività più importante della IAPC.

unc opposition.jpg